Nessuna conseguenza di F. Mannoia: le donne non pagano per amore

donneLa canzone Nessuna conseguenza di Fiorella Mannoia, tratta dall’album di inediti “Combattente”,  è stata scritta contro la violenza sulle donne, un fenomeno sempre più grave in questi ultimi anni, ma che, purtroppo, esiste da sempre. Ci sono vari modi per infliggere violenza: essa è fisica, psicologica, economica, legata allo stalking. La cantante romana, nel brano, si riferisce soprattutto alla forma più subdola, quella psicologica, che non riguarda solo i rapporti uomo-donna, ma anche tra genitori e figli. Quanti figli sono cresciuti con l’idea di non potercela fare, perché la madre o il padre li facevano sentire inadeguati! Ma è nella coppia che si realizza al suo meglio, perché a prescindere dalla nazionalità’, dalla religione, dall’orientamento politico, colpisce in tutto il mondo, indiscriminatamente, ogni giorno, persone innocenti.

Umiliare una donna, farla sentire una nullità solo per sentirsi più grandi, per sentirsi uomini; solo per gelosia, per una parola fuori posto…è questo il prezzo da pagare per amare ed essere amati? Ridurre una donna a pezzi per soddisfare l’ira e la rabbia? E le donne subiscono…perché?

Perché culturalmente si pensa ancora che una donna non ce la faccia senza un uomo accanto e quindi tutto si deve sopportare. È un retaggio antico: l’uomo protegge, l’uomo guida, l’uomo accudisce e la donna…la donna deve “solamente stare zitta e ringraziare”.

Ma le donne non sono proprietà di altri e sentono il desiderio di essere libere da chi tenta di imprigionarle nella paura e nell’insicurezza, sentono di volersi riappropriare della propria dignità e trovano il coraggio di fare il primo passo e parlarne. Dopo è tutto possibile e ci si rende conto che si sopravvive lo stesso, anche da sole, che non è troppo tardi: “E invece pensa, nessuna conseguenza, di te so stare senza, non sei necessario alla mia sopravvivenza. E invece pensa, io non mi sono persa. Di quel che è stato non resta nessuna conseguenza”.

Desiré Romito II B

Precedente Il giorno dei giorni e la bellezza della donna Successivo GOMORRA 3: la serie più amata torna sugli schermi non senza polemiche